Un addio rispettoso: il funerale musulmano

Aprile 15, 2024
un addio rispettoso il funerale musulmano

Nel cuore delle tradizioni islamiche, il funerale musulmano rappresenta un momento sacro di commiato e di rispetto verso il defunto. Questo rituale segue un protocollo ricco di significato e profondamente radicato nella fede e nella cultura musulmana.

La religione islamica è, difatti, la seconda più diffusa in Italia e di conseguenza le agenzie funebri, come noi, possono oggi organizzare anche funerali musulmani.

Esploriamo insieme come viene organizzato un funerale musulmano, i suoi riti e le tradizioni che lo caratterizzano.

Preparazione del corpo: purificazione e abbigliamento per funerale musulmano

Il processo inizia con la preparazione del corpo del defunto. Secondo la tradizione islamica, il corpo viene lavato e purificato da membri della comunità.

Questo rito, noto come Ghusl, è condotto con grande rispetto e devozione, seguendo precise istruzioni religiose.

Una volta purificato, il corpo viene avvolto in un semplice lenzuolo bianco, simboleggiante la purezza e l’uguaglianza di fronte a Dio.

Preghiere e onoranze: la Salat al-Janazah

Una parte centrale del funerale musulmano è la preghiera speciale conosciuta come Salat al-Janazah.

Questa preghiera collettiva è offerta in memoria del defunto e per chiedere perdono e misericordia da parte di Allah.

I partecipanti si radunano in una moschea o in un luogo designato, seguendo precisi movimenti e invocazioni.

La Salat al-Janazah è un momento di unità e di riflessione, in cui la comunità si riunisce per onorare il defunto e confortare i suoi cari.

Funerale musulmano: il momento della sepoltura

Dopo le preghiere, il corpo viene portato alla sepoltura.

La sepoltura avviene il più rapidamente possibile, di solito entro 24 ore dalla morte, seguendo il dettame islamico di seppellire il defunto al più presto. Questo perché non sono previste né veglie e né visite.

Tuttavia, in Italia, è difficile che questa richiesta venga rispettata pienamente perché ci sono normative italiane che impediscono la sepoltura del defunto nello stesso giorno in cui avviene il decesso.

Successivamente, il seppellimento è accompagnato da ulteriori preghiere e suppliche, mentre il corpo viene posto nella tomba con grande rispetto e decoro.

Solitamente, nella religione musulmana, si deve far sì che la tomba si posizioni perpendicolare alla direzione della Mecca, in modo tale che il defunto si trovi idealmente di fronte alla Mecca.

In fine, è tradizione che i partecipanti gettino tre manciate di terra sulla tomba, simboleggiando la sua accettazione nell’abbraccio della terra e il ritorno alla misericordia divina.

La sepoltura musulmana in Italia

Sebbene sia comune organizzare un funerale musulmano in Italia, fino a poco tempo fa, era difficile avere la possibilità di seppellire i propri cari nel Paese. Per questo motivo, la maggior parte della comunità preferisce portare la salma del proprio caro nel paese di provenienza e seppellirlo lì.

Attualmente, esistono molti cimiteri che mettono a disposizione un’area apposita dedicata a chi pratica la religione musulmana.

Per esempio, nella Capitale, il cimitero musulmano è uno e si trova a Prima Porta (meglio conosciuto come cimitero islamico).

Ricordare il Defunto: Il Khatam al-Quran e le Opere di Beneficenza

Dopo il funerale, la comunità può organizzare cerimonie di commemorazione per onorare la memoria del defunto. Una pratica comune è il Khatam al-Quran, un’occasione in cui il Corano viene recitato integralmente in onore del defunto.

Questo atto di devozione è considerato un modo significativo per elevare lo spirito del defunto e ottenere meriti spirituali per lui nell’aldilà. Inoltre, è comune che la famiglia del defunto faccia opere di beneficenza in suo onore, offrendo cibo ai bisognosi o sostenendo cause sociali, come un gesto di continuo ricordo e benevolenza.

Conclusione: un atto di fede e comunità

In conclusione, il funerale musulmano è un momento di profondo significato spirituale e comunitario. Attraverso rituali antichi e tradizioni radicate nella fede islamica, la comunità si unisce per onorare il defunto, confortare i suoi cari e cercare la misericordia divina.

Tuttavia, il funerale musulmano non termina con la fine della cerimonia e i riti ad esso connessi.

Secondo la tradizione il periodo di cordoglio dura tre giorni dove la comunità si stringe intorno alla famiglia, portando cibo e offrendo le condoglianze.

Durante il cordoglio, i parenti del defunto devono evitare di indossare abiti vistosi oppure gioielli, in segno di rispetto. In particolare, la moglie del defunto deve rispettare questo rito per un periodo di tempo più lungo: 4 mesi e 11 giorni.

In totale, il periodo di lutto dura 40 giorni. Una volta concluso, la famiglia si riunisce di nuovo per andare a far visita al defunto al cimitero e offrire, secondo la tradizione, cibo ai custodi del cimitero e ai bisognosi in segno di rispetto e gratitudine.

Da questo articolo, abbiamo capito come il funerale musulmano sia caratterizzato da un rito che celebra la vita trascorsa e affronta la realtà della morte con rispetto, devozione e speranza nell’aldilà.

Noi di Onoranze funebri Bocchetti, da sempre, rispettiamo ogni credo religione e ogni esigenza della famiglia. Per questo, offriamo un servizio attivo h24 e ci impegniamo a stare sempre al vostro fianco con empatia, professionalità e umanità.

Tabella dei contenuti

Numeri di telefono Ospedali e Camere Mortuarie?

Onoranze Funebri Bocchetti
Prodotti
  • Opere Cimiteriali
  • Composizioni Floreali
  • Cofani Funebri
  • Parco Auto
  • Urne Cernarie
  • Urne per Animali
Privacy
Privacy Policy Cookie Policy
2024
© Onoranze Funebri Bocchetti S.r.l | Via Bellico Calpurnio 67/69 | PI : 16923111005 | CF: 16923111005 | Site Map | Designed by Elias Ripari
×